4 ottobre 2012

Pergola

Credo questa sia la prima volta che parlo di Pergola ho deciso di farlo perché il nostro b&b si trova in una piccolissima località di questo comune  marchigiano sono andata alla ricerca di di foto (che non ho trovato) e di articoli che racontaserò un po’ di questa piccola cittadina... buona lettura

I believe this is the first time that I speak of Pergola I decided to do it because our b & b is located in a small village of the municipality of Marche I went looking for pictures (that I found) and that racontaserò a bit of this small town ... good read



Pergola, Terra del Gusto e dell'Accoglienza


Un tour nella parte settentrionale delle Marche, al confine con la Romagna, non può prescindere da una tappa (meglio un soggiorno) a Pergola: cittadina del gusto e dell’accoglienza, ricca di bellezze naturali, di tesori d’arte, di storia e di cultura, mescolati ad un suggestivo paesaggio collinare ai piedi dell’Appennino da cui si scorge l’azzurro dell’Adriatico. La storia di questa cittadina, che ha per cornice scenografica l’imponente massiccio del Monte Catria, è scandita di momenti significativi: durante il pontificato di Pio VI (1775-1799) fu qui istituita una zecca che coniava il Baiocco. Nel 1860 Pergola fu la prima città delle Marche ad insorgere per l’Unità d’Italia e già trent’anni avanti si fregiò di un altro patriottico primato: era il 14 febbraio 1831 quando per prima fra le città dello Stivale innalzò sul palazzo del municipio il vessillo tricolore. Molte chiese, ricche d’arte, si mescolano tra i sontuosi edifici del centro storico: particolarmente bella Santa Maria delle Tinte, risalente al ‘700, voluta dalla “Corporazione dei tintori e dei lanaioli” e anche Santa Maria di Piazza, ritenuta la prima della città con i suoi affreschi quattrocenteschi. Austera la torre civica, che si erge poco lontano dal palazzo comunale, costruito in previsione del conferimento a Pergola del titolo di “Città” da parte di Papa Benedetto XIV (1740 - 1758). Al suo interno la sala del consiglio ospita una terracotta invetriata dell’artista Della Robbia risalente ai primi anni del ‘500. Fra i vari edifici che arricchiscono le antiche vie cittadine, offrendo l’immagine di un nobile passato, spicca il Teatro Angel dal Foco, così chiamato in epoca risorgimentale per onorare un celebre capitano di ventura vissuto a cavallo fra il XIV e il XV secolo. In un ex convento delle Agostiniane sta, poi, il singolare tesoro di questa città che le dona fama e prestigio nel mondo: il Museo dei Bronzi Dorati.
  A Pergola, infatti, si può trascorrere una piacevolissima vacanza, deliziata dai gusti dei suoi prodotti tipici come il Pergola Rosso (la più giovane anagraficamente delle d.o.c. marchigiane) e l’afrodisiaco vino di visciole. Completano la gamma mieli, formaggi, l’olio d’oliva e il tartufo bianco pregiato di Pergola.



Pergola vista da me Instagram








1 commento:

  1. Buongiorno Claudia!
    Non ci crederai ma un paio di anni fa io trovai una foto di Pergola su Pinterest:
    http://pinterest.com/pin/59532026293788125/

    Inoltre ci sono piccoli reportage fotografici sul mio FB.
    http://www.facebook.com/anna.greco.anna/photos_albums

    non sono una gran fotografa ma il paesaggio parla da solo!
    Besos - Anna
    borgodelduca.com

    RispondiElimina

Grazie per aver visitato il nostro blog e per il messaggio che avete deciso di postare.. buona giornata.